Le Voloire al raduno dell'Arma di Cavalleria

Mille cavalieri schierati in piazza San Carlo

[caption id="attachment_944" align="alignleft" width="300" caption="Un momento della cerimonia in memoria dei caduti"][/caption] Alla parata anche un tricolore lungo 50 metri.

Carri armati in piazza Castello. E ora, il 10 giugno, tocca all’Aviazione

GRAZIA LONGO TORINO

La fierezza dei militari in servizio. L’emozione di quelli in congedo. Gli applausi del pubblico e la gioia dei bambini alla vista della sfilata dei cavalli. Il raduno dell’Arma di Cavalleria, ieri mattina in piazza San Carlo, ha un impatto e una forza che trasformano la cerimonia in festa. In un’atmosfera sempre oscillante tra orgoglio nazionale e commozione, i torinesi assistono ammirati agli schieramenti del Nizza Cavalleria, del 4° Reggimento carri, del Reggimento di artiglieria a cavallo di Milano e del Reggimento Lancieri di Montebello.

[caption id="attachment_943" align="aligncenter" width="825" caption="Le Voloire al raduno dell'Arma di Cavalleria"][/caption]

Il Nizza Cavalleria è il più anziano Reggimento di Cavalleria - fondato nel 1690 - ed è legato al Piemonte e Torino da un filo doppio. Vanta infatti tra i suoi ex «dragoni» membri della famiglia Agnelli (compreso l’Avvocato) e John Elkann «dragone ad honorem». Con compiti operativi - tipo in Iraq e Kosovo - sono i Lancieri di Montebello, che hanno anche altissima rappresentanza all’Altare della Patria e al Quirinale. Tra i momenti più toccanti della manifestazione ci sono il passaggio del cavallo senza cavaliere, in memoria ai caduti, e il corteo dei militari in congedo con un tricolore lungo 50 metri. Il generale di corpo d’armata Giuseppe Valotto, capo di Stato Maggiore dell’Esercito, decano della cavalleria sottolinea: «La nostra forza è il passato, ma siamo proiettati in continue sfide per il futuro». [caption id="attachment_942" align="aligncenter" width="825" caption="Le Voloire al raduno dell'Arma di Cavalleria"][/caption]

E di «valori e principi intramontabili» parla anche il generale di corpo d’armata Filiberto Cecchi, presidente Associazione nazionale arma di cavalleria. I militari in congedo arrivano da tutta Italia e la gente li accoglie con affetto. Antonio Iacubucci ha portato la nipotina di 3 anni, affascinata dai cavalli al trotto. Il figlio di 3 anni di Vincenza e Salvatore Epifania è invece attirato dai carri armati in bella mostra in piazza Castello. Il raduno - iniziato la mattina con la messa di suffragio per i caduti nella chiesa di San Lorenzo - si conclude nel pomeriggio con le premiazioni dei concorsi ippici nella tre giorni torinese e con l’ammainabandiera nel cuore della città.

Articolo tratto da LA STAMPA del 23 maggio 2011

Social Top Sharing

Share on Myspace

submit to reddit

Share on Tumblr

Post Navigation

Lascia un Commento